BUSINESS CLASS BY AMERICAN EXPRESS

Approfondimenti e spunti per far crescere il tuo business.

Fondi pensione: rendimenti più alti del TFR. E arrivano i PEPP

Risparmio&Assicurazioni

27 Settembre 2022

American Express

La previdenza complementare registra rendimenti positivi. Intanto sono operativi i PEPP, i nuovi prodotti individuali europei. Le condizioni sono le medesime in tutti i paesi dell’Unione ed è possibile trasferire facilmente questi strumenti da una nazione all’altra. Prevedono contributi volontari e garantiscono una rendita o una liquidazione al 50% del capitale

La previdenza complementare, nella prima metà del 2022, ha risentito delle turbolenze finanziarie che si sono registrate sui mercati ma, secondo gli ultimi dati disponibili, il trend resta positivo.

Al 30 giugno 2022, secondo l’ultima rilevazione della Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip), gli iscritti sono circa 9 milioni, in crescita di 280.000 unità (+2,9%) rispetto alla fine del 2021. I contratti attivi sono invece 10 milioni in quanto si può aderire a più formule contemporaneamente.

L’ultimo monitoraggio ha registrato rendimenti negativi rispetto alla precedente rilevazione di fine 2021. Se i tassi vengono, però, valutati in un arco di tempo più lungo, dal 2012 come spiega l’Authority, è ancora segnalato un 4,1% per i fondi negoziali (destinati esclusivamente a determinate categorie di lavoratori a seguito di contratti collettivi), un 4,6% per i fondi aperti (istituiti da società come banche e Sgr e sottoscrivibili da tutti i dipendenti) e un 5% per i Pip (i Piani individuali pensionistici). Mentre con il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) si arriva solo fino al 1,9%.

In termini di offerta, dal 23 agosto sono operativi, anche in Italia, i PEPP (Pan European Pension Product), prodotti pensionistici individuali ideati a livello europeo, quindi con condizioni uniformi per tutti i cittadini dell’Unione. Tra le caratteristiche principali vi è la portabilità, che consente a chi sottoscrive questa soluzione di continuare a usufruirne anche se si trasferisce in un altro stato UE.

I PEPP sono proposti come strumento di pensione integrativa da compagnie assicurative, banche, fondi pensione e società di investimento. I contributi sono versati su base volontaria, e deducibili dal reddito fino a 5.164,57 euro, mentre non è possibile far confluire su questi nuovi strumenti il TFR. Una volta raggiunta la pensione, viene garantita una rendita oppure una parziale liquidazione del capitale (fino al 50%) ed è anche possibile ottenere un anticipo delle somme maturate.

A cura di OFNetwork

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio&Assicurazioni
Pmi ancora poco assicurate. Ma i rischi aumentano nell’ambiente e sul web

Sono ancora un milione e 653 mila le piccole e medie imprese italiane che non dispongono di coperture assicurative. Ma aumenta l’importanza di proteggersi dai …

#business #pmi #piccole e medie imprese #cybercrime #assicurazione #assicurazione cybercrime #polizza assicurativa #danni climatici #coperture assicurative
Risparmio&Assicurazioni
Avversità atmosferiche? Arrivano le polizze parametriche per gli agricoltori

Negli ultimi 30 anni le perdite economiche causate dal clima (eccesso o scarsità di pioggia, grandine, danni ai raccolti a causa di calure estive o …

#Assicurazioni #polizze #Clima #Agricoltura #assicurazioni parametriche #polizze agricoltura
Risparmio&Assicurazioni
Come diventare una società B-Corp attenta agli impatti positivi

Cresce l’attenzione ai cambiamenti climatici (che incidono su costi e rischi delle PMI). E gli investitori, da parte loro, sono sempre più interessati ad aziende …

#ESG #cambiamenti climatici #bcorp #sostenibilità ambientale
1 2